IFS Cash & Carry

Che cos'è


La prima versione dello Standard IFS Cash&Carry / Wholesale è stata pubblicata a Febbraio 2010, frutto della cooperazione di HDE e FCD, rappresentanze rispettivamente dei retailer tedeschi e francesi, con il supporto di Federdistribuzione, ente che organizza e rappresenta la grande distribuzione organizzata italiana, ANCC (Associazione Nazionale delle Cooperative dei Consumatori) e ANCD (Associazione Nazionale Cooperative tra Dettaglianti).
 
Lo Standard IFS Cash & Carry / Wholesalers nasce con lo scopo di fornire un sistema omogeneo di valutazione delle attività di manipolazione e gestione del prodotto effettuate nei punti vendita tipo Cash & Carry e presso i grossisti.

Queste realtà manipolano sia prodotto già confezionato, sia prodotto sfuso, che può anche subire alcuni processi di lavorazione.
 
Lo standard IFS Cash & Carry / Wholesalers si basa essenzialmente sull’impostazione di IFS Food, con l’aggiunta di linee guida su come gestire requisiti specifici e applicabili ai negozi Cash&Carry e ai commercianti all’ingrosso.
 


Punti chiave


Lo standard si applica specificamente ai negozi cash&carry e ai commercianti all’ingrosso che effettuano principalmente attività di manipolazione di prodotti alimentari già confezionati o sfusi; lo standard copre anche attività di lavorazione del prodotto, qualora le quantità considerate siano limitate.
 
Lo standard riflette l’impostazione di IFS Food, in quanto prevede 5 capitoli e 250 requisiti, 10 dei quali sono stati definiti come KO per la loro rilevanza; alcuni requisiti sono stati tuttavia adeguati alle peculiarità dei punti vendita cash&carry e dei wholesalers.
 
La certificazione può essere ottenuta singolarmente per ciascun sito aziendale, oppure con un approccio multisito.”
 


Vantaggi

 
  • Il principale vantaggio nell’adottare questo standard consiste nella possibilità di combinare in un solo audit la verifica sia degli aspetti di sicurezza alimentare tratti da IFS Food, sia delle caratteristiche specifiche che distinguono i punti vendita cash&carry ed i grossisti.
  •  È inoltre un ottimo strumento per ampliare il ventaglio dei propri clienti: IFS Cash&Carry / Wholesale è stato infatti sviluppato con il supporto dei principali retailers europei; la riconoscibilità internazionale di questo standard, quindi, permette di rispondere alle esigenze di clienti di tutta Europa.
  •  Per le aziende che già applicano un sistema di gestione per la qualità secondo la ISO 9001 o utilizzano la metodologia HACCP o che hanno confidenza con altri standard della famiglia IFS, la conformità a questo standard risulterà molto agevole, con la possibilità di sfruttare le sinergie e gli elementi in comune tra i diversi schemi. Tutto ciò si traduce in una riduzione dei tempi e dei costi necessari per le diverse verifiche ispettive.
  • L’ottenimento della certificazione consente alle aziende una notevole visibilità internazionale, grazie alla pubblicazione in forma controllata del proprio rapporto di verifica sul portale IFS: una piattaforma informatica che facilita lo scambio di informazioni tra fornitori e retailers e promuove i contatti commerciali.
  • La certificazione, inoltre, può contribuire a ridurre le verifiche ispettive di parte seconda, cioè quelle effettuate per conto dei clienti sull’azienda fornitrice, con una conseguente diminuzione dei costi da sostenere.