SEDEX

Che cos'è


Sedex è un’organizzazione no profit impegnata nel fare crescere la diffusione dei principi etici lungo le catene di fornitura globali e costituisce la più ampia piattaforma in Europa che raccoglie ed elabora dati sul comportamento etico delle catene di fornitura.
 
La metodologia Sedex non ha creato una nuova norma di certificazione, ma ha proposto una procedura (SMETA) per condurre gli audit presso i propri fornitori che raccoglie le best practice in merito alla conduzione degli audit in abito etico e sociale.
 

CSQA, grazie alla partnership con IQNet, è in grado di offrire il servizio di ispezione SEDEX-SMETA.


Punti chiave


SMETA è l’acronimo di “Sedex Members Ethical Trade Audit ed è stato sviluppato dalla Sedex Associate Auditor Group (AAG), attraverso una consultazione multi-stakeholder, per fornire un quadro di riferimento sulle best practice che permetta di svolgere audit e redigere relativi report in ambito sociale.
 
Caratteristiche principali di SMETA:
  • Costituisce una procedura progettata per ridurre la duplicazione degli audit o di altri strumenti di monitoraggio per la verifica del rispetto di requisiti di tipo etico.
  • Descrive una metodologia per condurre gli audit attraverso una raccolta delle best practices nell’ambito del controllo degli aspetti etici.
  • I beneficiari sono tutti gli stakeholder coinvolti nel processo: i retailer, i produttori e in genere i fornitori.
  • Viene proposto come uno strumento per il miglioramento nella trasparenza dei metodi di audit.
 
L’audit SMETA si può condurre sulla base di:
  • 2 pilastri: condizioni di lavoro, salute e sicurezza
  • 4 pilastri: condizioni di lavoro, salute e sicurezza, ambiente di lavoro, Business practices.

SMETA include:
  • Una guida comune per la conduzione degli Audit (BPG)
  • Un report con un format comune per gli audit
  • Un format per un piano delle azioni correttive comune
 
 
LE FASI DI SMETA

1) Compilazione del SAQ (Self Assessment Questionnaire) da parte dell’azienda fornitrice con i 2 o 4 pilastri.
 
2) Il SAQ viene messo a disposizione del cliente.
 
3) Il cliente effettua una valutazione del rischio sul fornitore sulla base delle informazioni contenute nel SAQ (ad es: categoria di prodotto / servizio, il tipo di acquisto, rapporti tra i lavoratori, livello e natura del subappalto, livello di impegno da parte del fornitore).
 
4) In base alla valutazione del rischio il cliente decide il programma di audit.
 
5) Il SAQ viene messo a disposizione dell’auditor per la pianificazione dell’audit che può essere di tipo:
  • annunciato
  • non annunciato
  • semi annunciato
  • una combinazione di queste tipologie di audit, in base alla valutazione fatta dal cliente.
 
6) Il fornitore contatta l’auditor per la richiesta di audit.
 
Molte tipologie di audit di natura ‘sociale’ possono essere caricate nel Sistema Sedex (Sistema utilizzato per gestire audit SMETA) e sta al singolo retailer di Sedex decidere se accettare o meno tali audit.


Vantaggi


  • migliora la performance sociale lungo la filiera;
  • permette una gestione oculata dei propri fornitori;
  • riduce il rischio etico;
  • riduce la duplicazione degli audit;
  • fornisce una procedura globale in piena trasparenza.