CSQA presenta tre standard volontari innovativi

06/03/2014

CSQA ha presentato tre standard volontari assolutamente innovativi, ‘Suino senza Antibiotico’, ‘Senza Glutine’ e ‘Qualità Vegetariana’ in occasione del convegno ‘La sostenibilità incontra nuovi stili di consumo. Le certificazioni Free From e Valore Condiviso’, organizzato a Bologna nell’ambito de ‘La settimana della Sostenibilità’ promossa da ACI-Alleanza delle Cooperative italiane e dalla Regione Emilia Romagna.
 
I consumatori italiani e internazionali sono sempre più sensibili alla scelta di alimenti dall’elevato livello qualitativo che privilegiano un approccio sostenibile. Le produzioni alimentari per celiaci, vegetariani e vegani diventano sempre più accurate ed esigenti. La sensibilità dei consumatori si orienta verso l’acquisto di prodotti di origine vegetale senza pesticidi o di alimenti di origine animale provenienti da allevamenti senza antibiotici. CSQA, leader da oltre vent’anni nel settore agroalimentare, ha presentato le seguenti certificazioni volontarie per tutelare le esigenze dei consumatori e valorizzare la qualità dei prodotti e degli standard adottati nella filiera di produzione.
 
‘Suino senza Antibiotico’: il primo standard in Italia per carni di maiale allevato senza l’uso di antibiotici
‘Suino senza Antibiotico’, con il Disciplinare Tecnico (DTP n. 109), è lo standard predisposto da CSQA per garantire la provenienza italiana delle carni, l’alta qualità e la salubrità dei prodotti oltre alla loro corretta tracciabilità e all'assenza di antibiotici a partire dalla fase immediatamente successiva allo svezzamento di animali che vengono nutriti con alimenti di sola origine vegetale. La filiera certificata da CSQA prevede il rispetto del giusto spazio destinato agli animali, di una corretta alimentazione e di un equilibrato ritmo di accrescimento, presupposti fondamentali perché i maiali non si ammalino e non abbiano bisogno di trattamenti antibiotici. La prima azienda italiana a ottenere questa certificazione è “Senza Srl”. Lo standard nasce dall’allarme lanciato da organizzazioni nazionali e internazionali, tra cui World Health Organization, sul pericoloso aumento di resistenza agli antibiotici da parte di vari agenti patogeni, causato da un loro abuso in medicina e veterinaria. Si stima, infatti, che l’80% della produzione globale di antibiotici venga utilizzata proprio negli allevamenti zootecnici.
 
‘Senza Glutine’: lo standard volontario per combattere la celiachia
CSQA ha messo a punto lo standard volontario ‘Senza Glutine’, DTP n. 108, che restringe ulteriormente i limiti di legge per i prodotti senza glutine, fornendo una garanzia supplementare al consumatore celiaco. La certificazione assicura un contenuto di glutine inferiore ai 10 ppm (10 mg/kg), meno dell’attuale limite di legge di 20 ppm (Regolamento CE N. 41/2009), nei prodotti alimentari e nelle imprese di ristorazione che l’applicano. Le prime aziende in Italia che hanno conseguito questa certificazione sono Zero+4 ed Euroristorazione.
 
‘Qualità Vegetariana’: il primo standard nazionale per i prodotti vegetariani e vegani
L’AVI-Associazione Vegetariana Italiana ha deciso di affidare a CSQA la certificazione dei prodotti vegetariani e vegani per garantire a consumatori e aziende alta qualità nel rispetto della normativa europea a riguardo. ‘Qualità Vegetariana’ è, infatti, lo standard al servizio della competitività delle imprese e della filiera del mercato vegetariano e vegano. L'Italia risulta al secondo posto al mondo dopo l'India come percentuale di praticanti vegetariani, con una quota di circa il 10% sulla popolazione.
 
I nuovi stili di consumo - afferma Maria Chiara Ferrarese, Responsabile del settore Progettazione & Innovazione di CSQA - si orientano verso prodotti sostenibili e salutari, che vengono valorizzati dall’assunzione di parametri chiari e restrittivi nella loro filiera di produzione. La certificazione è sempre più a garanzia del consumatore e delle sue esigenze, sia che siano legate a motivi prettamente salutistici, come intolleranze o allergie, sia che siano dettate da scelte a carattere etico, nel caso di vegetariani o vegani. Le indicazioni provenienti dal mercato e dalle scelte dei consumatori hanno quindi spinto le aziende a rispondere a queste esigenze, certificando e rafforzando i propri livelli qualitativi. CSQA raccoglie queste nuove sfide accompagnando le imprese nella definizione degli standard e dei requisiti dei prodotti e delle loro filiere”.