Carne equina negli alimenti

28/01/2015

Bruxelles, gennaio 2015 - 48 favorevoli, 15 contrari e 4 astenuti: questi i risultati della votazione che hanno approvato la risoluzione della commissione Ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare del parlamento europeo.

La necessità di una normativa più rigida sulla chiarezza delle etichette esplosa dopo il caso Findus del 2013  (carne di cavallo spacciata per manzo in alcuni prodotti alimentari pronti surgelati) ha finalmente ottenuto un risultatoconcreto: l'assenza di norme europee specifiche era infatti uno dei paraventi dietro cui si erano nascoste le responsabilità della truffa.

Se la raccomandazione della UE verrà correttamente recepita, i consumatori potranno contare su una maggiore trasparenza della filiera alimentare.
Nella sessione plenaria del Comitato UE di febbraio la ratifica definitiva della risoluzione.
(Fonte: http://www.cavallomagazine.it/)