Vigneti, diritti di reimpianto

11/02/2015

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che al fine di attuare le disposizioni europee in campo vitivinicolo il Consiglio dei Ministri ha approvato oggi il decreto, proposto dal Mipaaf che prevede la deroga che amplia l’arco temporale di conversione dei diritti fino al 31 dicembre 2020 e la trasferibilità dei diritti d’impianto tra Regioni, con l’abrogazione della possibilità di limitare l'esercizio del diritto di reimpianto “ad ambiti territoriali omogenei e limitati al fine di tutelare le viticolture di qualità e salvaguardare gli ambienti orograficamente difficili”.

Attualmente i diritti di reimpianto detenuti dai produttori viticoli ammontano a circa 47.000 ettari (pari al 7% della superficie vitata nazionale); con le modifiche approvate oggi si tende a diminuire il rischio di non utilizzo dei diritti, quindi di perdita di potenziale viticolo nonché di calmierare i prezzi di mercato attualmente in forte aumento.

“Con questo provvedimento – ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina – tuteliamo il nostro potenziale viticolo, dando rassicurazioni al settore che chiedeva da tempo un intervento di semplificazione in questa direzione. Il vino è un settore strategico da oltre 14 miliardi di euro con più di 5 miliardi di export e il Governo è in campo non solo per la sua salvaguardia, ma per accompagnarne la crescita”.


EMILIA ROMAGNA

Con la determinazione n. 19225  del 31/12/2014  la superficie totale assegnata ai singoli enti  territoriali è di oltre ettari 386 ettari.
 Possono partecipare ai bandi gli imprenditori agricoli iscritti nell’anagrafe regionale delle aziende agricole in regola con la normativa in vigore.  La domanda deve essere presentata all’Amministrazione nel cui territorio ricade la prevalenza delle superfici vitate che risultano nello schedario. 

Nel caso in cui le superfici previste nei bandi provinciali non siano sufficienti a soddisfare le richieste, verranno approvate delle graduatorie redatte in base a specifici criteri   I diritti acquisisti dalla riserva regionale non possono essere oggetto di trasferimento e gli impianti devono essere realizzati entro la seconda campagna successiva a quella di assegnazione.
Le domande, corredate da marca da bollo, devono essere presentate agli uffici vitivinicoli delle amministrazioni competenti, secondo le scadenze e modalità fissate dai bandi provinciali, ai quali fare riferimenti per ulteriori informazioni:
 (Fonte: http://agricoltura.regione.emilia-romagna.it/)