I consorzi delle Dop e Igp puntano su 'Tuttofood'

13/04/2015

Non parteciperanno a Expo come sistema, ma singolarmente, e invece puntano alla fiera "Tuttofood 2015", che si svolgerà a Rho dal 3 al 6 maggio, una nutrita rappresentanza dei consorzi di tutela di prodotti Dop e Igp con uno stand collettivo.

La partecipazione istituzionale alla manifestazione milanese rappresenta un evento fondamentale per il settore agroalimentare nazionale durante il 2015, vista la coincidenza temporale ed anche la vicinanza logistica con Expo ed è coordinata da Aicig (Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche) e da Isit (Istituto Salumi Italiani Tutelati), spiegano i responsabili delle associazioni.

In particolare vi parteciperanno in forma diretta i consorzi di Aceto Balsamico di Modena Igp, Grana Padano Dop, Gorgonzola Dop, Mozzarella di bufala Campana Dop, Oliva Bella della Daunia Dop, Pecorino Toscano Dop e Taleggio Dop, e la partecipazione in forma collettiva dei 14 Consorzi di Tutela della salumeria Dop Igp aderenti ad Isit.

Non solo aspetti commerciali ma anche un messaggio politico forte a chi, in ambito internazionale, vuole scalfire il sistema di protezione comunitario delle indicazioni geografiche. "Un messaggio di compattezza e l'importante presenza del Mipaaf a fianco dei Consorzi di Tutela sono testimonianza di un settore compatto e coeso" ha spiegato Pier Maria Saccani, segretario di Aicig durante una conferenza stampa a Roma.

A conferma di questo assunto è intervenuto anche Luca Bianchi, capo Dipartimento del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. "Siamo al finaco del mondo dei prodotti certificati perché riteniamo che siano la testa di ponte dell'agroalimentare italiano - ha detto - ma il nostro obiettivo è di fare quantità nella qualità con azioni coordinate, riteniamo infatti che ci sia un grande potenziale di crescita".

Ricco il palinsesto di eventi che andranno ad animare lo spazio Dop/Igp: argomenti trasversali che toccheranno tematiche internazionali (in primo luogo i negoziati bilaterali con gli Stati Uniti nell'ambito del TTIP) ma anche aspetti nutrizionali e divulgativi.

I Consorzi di Tutela assumono un ruolo strategico nell'attività di salvaguardia, valorizzazione e promozione delle denominazioni. Un'eccellenza del patrimonio agroalimentare nazionale, volano di crescita per l'intero settore, che nel 2013 è stata in grado di generare un fatturato alla produzione di 6,6 miliardi di euro e al consumo di 13,2 miliardi di euro, con un valore export pari a 2,4 miliardi di euro (+5% sul 2012). (Fonte: http://www.adnkronos.com/)