Le prospettive del mercato logistico europeo

02/06/2012

La crescita di  Polonia e Turchia.

Entro il prossimo decennio il mercato logistico europeo crescerà a ritmo esponenziale: i principali hub saranno la Polonia e la Turchia, ed aumenterà l'importanza dei porti dell'Adriatico settentrionale. E’ quanto afferma una ricerca della Colliers, secondo cui nel prossimo decennio il settore subirà profondi cambiamenti, caratterizzati da una crescita economica dell'Europa dell'Est.
In tale contesto, la Polonia emergerà come il principale fattore di sviluppo, grazie alla crescente domanda dei consumi interni, che trainerà la realizzazione di nuove infrastrutture.

La Turchia sta già vivendo una fase di crescita economica ed il Paese è integrato nella rete ferroviaria europea e ha programmato nel prossimo decennio lo sviluppo di oltre 14mila chilometri. Inoltre, il Paese – che si trova a cavallo tra Europa ed Asia – realizzerà nuovi porti con acque profonde, attirando i traffici container nell'estremità orientale del Mediterraneo. Secondo Colliers, ne beneficeranno anche i porti dell'Adriatico settentrionale.

In particolare, il rapporto identifica alcune città come hub logistici emergenti entro il 2020: Gdansk/Gdynia (Polonia), Lodz (Polonia), Katowice/Wroclaw (Polonia), Bratislava (Slovacchia) / Brno (Repubblica Ceca), Izmir (Turchia), Belgrado / Nis (Serbia), Istanbul (Turchia), Mosca (Russia) e San Pietroburgo (Russia). (Fonte: trasportoeuropa.it)