Nanotecnologia per ridurre i batteri patogeni

25/03/2015

Un nuova nanotecnologia: goccioline di acqua nanometriche caricate elettronicamente possono ridurre la contaminazione microbica sulle superfici alimentari

Secondo i ricercatori dell’Harvard University sarà possibile in futuro utilizzare delle nano goccioline di acqua caricate elettricamente per inattivare gli agenti patogeni presenti sulla superficie di alimenti e superfici. Una novità che potrebbe diventare un valido metodo di sanificazione “Green” ideale ed ecologico per rendere più sicuro il cibo. I ricercatori affermano che se il metodo riuscirà ad essere migliorato potrà diventare una valida alternativa rispetto agli attuali prodotti chimici utilizzati per la disinfezione per esempio della frutta della verdura.

Prove di laboratorio hanno dimostrato che è possibile eliminare con questo metodo fino dall’80 al 98% dei batteri patogeni presenti sulle superfici. L’efficacia dipende dal tipo di agente patogeno dalla durata del trattamento e della tipologia della superficie e dell’alimento che si vuole trattare.

Il trattamento funziona spruzzando acqua sotto forma di aerosol attraverso un campo elettrico con la conseguente formazione di goccioline della dimensione di venticinque nanometri e caricate elettricamente. La carica elettrica deve essere abbastanza forte da consentire di aumentare la tensione superficiale della goccia al punto di impedirne l’evaporazione.

I primi test sensoriali hanno dimostrato che l’acqua tratta in questo modo non modifica il gusto percepito o la struttura degli alimenti utilizzati per il trattamento.

I risultati sono incoraggianti ma lontani dall’essere completamente soddisfacenti. Le attuali metodiche di disinfezione di frutta, verdura e delle superfici arrivano quasi al cento percento di abbattimento di carica batterica quindi questo metodo dovrà essere migliorato fino ad arrivare ad un’efficienza paragonabile. Quando il metodo delle nano goccioline caricate elettricamente avrà prodotto risultati migliori e consistenti nel tempo potrà essere una valida e pulita opzione alternativa per l’industria alimentare.
(Fonte: http://www.aureliotrevisi.com/)
I link della ricerca
http://cen.acs.org/articles/93/web/2015/03/Charged-Water-Droplets-Reduce-Foodborne.html
http://pubs.acs.org/doi/abs/10.1021/es505868a?source=cen&