Pet riciclato anche nelle vaschette per alimenti

29/03/2013

Il ministero della Salute nei giorni scorsi ha inviato alla Commissione europea una proposta di modifica della norma nazionale - DM 21 marzo 1973 -  al fine di ampliare le deroghe esistenti all'utilizzo del Pet riciclato nella produzione di vaschette alimentari e in generale per le bottiglie.

Se non ci saranno particolari rilievi il provvedimento proseguirà il suo iter amministrativo nazionale con la definitiva pubblicazione in gazzetta ufficiale nel giro di un paio di mesi, colmando così un gap lungo ben 40 anni rispetto al resto dei Paesi europei e non (Germania, Inghilterra e Stati Uniti, per fare qualche esempio) dove tale buona pratica di riciclo è prassi ormai da tempo.

Una prima modifica alla legge  del 1973  era stata emanata infatti nel maggio 2010, autorizzando l'uso, a determinate condizioni, di Pet rigenerato in una percentuale massima del 50% per produrre bottiglie destinate esclusivamente al confezionamento di acqua minerale naturale.

A luglio dello scorso anno, l'ambito di applicazione era stato ulteriormente esteso anche alle bevande analcoliche.

E oggi finalmente vengono incluse anche le vaschette, allargando così il mercato potenziale del Pet riciclato, che per la verità ha già diversi sbocchi di mercato, a differenza per esempio delle plastiche eterogenee post consumo, il cui riciclo è stato dimostrato essere possibile, ma che come ogni nuovo settore avrebbe bisogno di incentivi almeno in una prima fase di lancio (parallelamente a come è avvenuto per le energie rinnovabili). (Fonte: Greenreport.it)