Un codice etico per la Mozzarella di Bufala Campana DOP

12/07/2012

I soci del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop hanno approvato all'unanimità il Codice Etico, nel corso dell'assemblea annuale svoltasi per la prima volta in un bene confiscato alla camorra a Castelvolturno, diventato sede del Centro di formazione nazionale del Corpo Forestale dello Stato.

Con l'introduzione del Codice Etico, per poter aderire al Consorzio di Tutela è condizione pregiudiziale la presentazione, entro la fine di ogni anno solare, del certificato camerale antimafia. Inoltre vengono imposte restrizioni severe a quanti vorranno far parte del Consorzio, che dovranno impegnarsi a mantenere comportamenti corretti e leali.

Il presidente del Consorzio, Domenico Raimondo, commenta così la svolta storica: "Sulla legalità abbiamo compiuto un'altra nettissima scelta di campo, senza mezze misure e senza tentennamenti: Il Codice Etico, che già era stato varato all'unanimità dal cda, sarà d'ora in poi la nostra carta d'identità, il nostro biglietto da visita, convinti come siamo che, prima ancora di buon prodotto, valgono le persone che lo realizzano. E queste persone devono essere al di sopra di ogni sospetto. Tutte.

Altrimenti non potranno trovare accoglienza ne' ascolto presso il Consorzio". All'appuntamento hanno partecipato numerosi rappresentanti delle istituzioni, tra cui il Comandante regionale del Corpo forestale dello Stato, Vincenzo Stabile, l'assessore all'Agricoltura della Provincia di Salerno, Mario Miano, il dirigente del settore Agricoltura della Provincia di Caserta, Ciro Costagliola, e il Presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, Paolo Russo.
"La grande partita della mozzarella di bufala campana Dop si chiama tracciabilità - ha dichiarato Russo - ovvero far conoscere il percorso del prodotto, dall'allevamento fino al punto vendita. Così si rassicurano i consumatori e si affrontano le sfide dei mercati. La mozzarella Dop è stata più forte di ogni momento di crisi e con il Codice etico consolida il valore della legalità. Oggi si fa capire che questo prodotto contiene una sollecitazione etica importante, soprattutto in questo territorio".

Nel corso dell'assemblea sono state inoltre affrontate le prossime sfide che attendono il comparto, "a cominciare dalle modifiche al disciplinare di produzione della Dop", annuncia Raimondo. Il Comitato Paritetico (composto da allevatori e trasformatori) è riuscito a proporre e condividere all'unanimità una serie di importanti modifiche al disciplinare di produzione: "Si tratta di una revisione che non era più rinviabile.

La mancanza di un disciplinare moderno, più stringente del precedente per quanto relativo agli aspetti della qualità e della tracciabilità di filiera, ma anche più attuale rispetto alle nuove esigenze della distribuzione, finora non ci ha consentito di aggredire i mercati come la competizione del nostro tempo ormai richiede, ne' di intercettare ampie fasce di consumatori, tuttora poco consapevoli dell'esistenza di una mozzarella certificata come Dop e delle differenze fra questa e le tante altre esistenti in commercio".

Una serie di criticità che ora il Consorzio intende risolvere, "senza snaturare affatto la qualità e l'artigianalità del nostro prodotto, come qualcuno strumentalmente continua a dire, ma, al contrario - rimarca Raimondo - imponendo una demarcazione netta, definitiva, fra il prodotto a denominazione d'origine protetta, realizzato esclusivamente da latte fresco delle nostre bufale, supergarantito e supercontrollato e i tanti altri prodotti privi di certificazione, che hanno consentito finora, nel nostro ed in altri territori, in Italia ed all'estero, di confondere il consumatore con immagini e nomi più o meno fantasiosi". (Fonte: AIOL.it)