PEFC: com'è andato il 2014

15/01/2015

Il 2014 conferma il trend positivo di crescita per il PEFC in Italia, consolidando così la quarta posizione a livello mondiale per i certificati di catena di custodia. Tale sviluppo è stato riconosciuto dal PEFC Council con il secondo premio come incremento annuale. Tutto questo a fronte di una crisi che morde anche il nostro settore: è infatti triste dover registrare la chiusura di molte aziende certificate, circa 30.

Certificazione forestale e di Catena di custodia
Grafico CoC 2014





















Sono state ben 122 le nuove aziende con il certificato di catena di custodia nel 2014, con un incremento del 13,3%, passando da 852 a 911 aziende certificate CoC PEFC.
L’area forestale certificata PEFC al 31 dicembre 2014 è di 818.970,75 ettari corrispondenti al 9,3% della superficie totale a bosco (8.759.200 ettari), con un aumento di 27.041,31 ettari - pari a un +3,3% sul 2013-. Il dato è dovuto principalmente ad incrementi delle aree già certificate.
Grafico GFS 2014




















L’area a maggior certificazione è quella gestita dal Bauernbund - Unione Agricoltori di Bolzano (con 301.247,31 ettari, il 36,7% del totale PEFC italiano), seguita dall’area gestita dal Consorzio dei Comuni Trentini – AR Trentino (con 258.566,72 ettari, il 31,5%), poi dall’area gestita dal Gruppo PEFC Veneto (con 83.714,74 ettari, l’10,2%), quindi dall’area gestita da Legno Servizi in Friuli Venezia Giulia (con 81.587 ettari, il 10%); a seguire le foreste del Piemonte, della Lombardia, della Toscana, Abruzzo e Umbria. (Fonte: http://www.pefc.it/)