Business Continuity

06/10/2014

Gli specialisti di Business Continuity sanno bene che gli eventi che impattano il business possono presentarsi in qualsiasi momento e sotto molte forme, sia che dipendano da cause naturali sia da attività umane.

Per questo motivo, i piani di business continuity devono essere regolarmente rivisti, testati e aggiornati per riuscire a mantenere l’operatività del business e l’erogazione dei servizi. Ma come farlo al meglio? Verizon ha stilato 10 consigli utili ad aziende ed enti pubblici per prepararsi e rispondere in modo efficace ad eventi imprevisti.

Pianificare in anticipo. Sviluppare un piano nel bel mezzo di una crisi è il modo migliore per farlo fallire. E’ necessario anticipare gli imprevisti e predisporre un piano ben documentato e completo sia di disaster recovery sia di business continuity per le attività più importanti.

Valutare il rischio. Le aziende dovrebbero valutare reti e modelli di business per identificare i rischi, oltre a esposizioni finanziarie e operative. Basare le decisioni su principi di risk management e identificare funzioni e processi aziendali critici per sviluppare asset in grado di mantenere la continuità operativa.

Creare un solido ecosistema di partner. Scegliere business partner che dispongono di risorse disponibili e prontamente utilizzabili in caso di necessità nei processi di recovery e continuity.

Proteggere reti, sistemi e applicazioni critiche. Stilare un inventario di apparati e applicazioni critiche e valutarne le vulnerabilità. Determinare dove sia meglio posizionare  questi servizi per ridurre eventuali interruzioni per catastrofi naturali e garantire tempi di ripristino rapidi.

Struttura flessibile e reti affidabili. Implementare reti che soddisfino i requisiti di banda e aiutino a mantenere la continuità operativa offrendo, allo stesso tempo, un ritorno sugli investimenti.

Utilizzare servizi cloud- e network-based per la ridondanza. La combinazione di routing di rete diversi e la capacità di duplicare le applicazioni mission-critical è essenziale per le comunicazioni e la continuità delle operazioni business-critical. I servizi cloud- e network-based consentono l’accesso alle informazioni importanti, il rapido ripristino del servizio e la capacità di spostare rapidamente i servizi a siti alternativi.

Sviluppare programmi di telelavoro. Applicazioni per accesso remoto e conferencing aiutano a migliorare i tempi di recovery e a permettere connessione e produttività dei dipendenti anche in circostanze estreme.

Educare e formare i dipendenti. Una buona azienda è il risultato delle persone che vi lavorano. Progettare un modello di business efficace basato sul lavoro distribuito, e assicurarsi che i dipendenti abbiano formazione e strumenti adeguati per poter svolgere il proprio lavoro – in ufficio, in viaggio o a casa. Valutare le competenze per individuare i requisiti necessari ai dipendenti per supportare la continuità operativa.

Utilizzare i Social Media. Durante una situazione di emergenza, i social media svolgono un ruolo importante nel mantenere connessi e informati  gli stakeholder, inclusi clienti e  dipendenti, soprattutto quando i tradizionali metodi di comunicazione potrebbero non essere disponibili.

Rivedere, testare e aggiornare continuamente. Dopo aver sviluppato un piano, lo stesso deve essere rivisto, testato e aggiornato. Un piano di business continuity è un documento in progress e una risorsabusiness-critical; deve essere regolarmente aggiornato e collaudato durante tutto l’anno. (Fonte: bitmat.it)