Friuli per la Responsabilità sociale

12/03/2013

Con proprio Regolamento la Regione Friuli Venezia Giulia disciplina la concessione e l'erogazione in via sperimentale di incentivi per la promozione della diffusione dei principi della responsabilità sociale dell'impresa.

Possono beneficiare degli incentivi le piccole e medie imprese e microimprese che intendono adottare, per la prima volta, il bilancio sociale e/o il sistema di gestione della responsabilità sociale secondo la norma "SA 8000".

Beneficiari
Possono beneficiare del contributo le piccole e medie imprese e microimprese che intendono adottare per la prima volta il bilancio sociale e/o il sistema di gestione della responsabilità sociale secondo la norma "SA 8000".

Non possono beneficiare del contributo:

a) i soggetti tenuti all'adozione del bilancio sociale e/o del sistema di gestione della responsabilità sociale secondo la norma "SA 8000" per obbligo previsto dalla legge statale o regionale;
b) in relazione all'adozione del bilancio sociale, le cooperative sociali e i consorzi iscritti all'Albo regionale delle cooperative sociali a decorrere dai termini di efficacia dell'obbligo di redazione del bilancio sociale previsti nell'Atto di indirizzo della D.C. Attività Produttive pubblicato sul BUR n. 44 del 29 ottobre 2008 e concernente i principi, gli elementi informativi e i criteri minimi di redazione del bilancio sociale da parte delle cooperative sociali e dei loro consorzi.

Tipologia dei finanziamenti
Per l'adozione del bilancio sociale, sono ammissibili esclusivamente le spese di consulenza o di formazione del personale, sostenute successivamente alla presentazione della domanda di contributo, finalizzate all'adozione per la prima volta del bilancio sociale.

Per l'adozione del sistema di gestione della responsabilità sociale secondo la norma "SA 8000", sono ammissibili esclusivamente le seguenti spese sostenute successivamente alla presentazione della domanda di contributo:
a) le spese di consulenza o di formazione del personale, finalizzate all'acquisizione per la prima volta della certificazione di conformità del sistema di gestione della responsabilità sociale secondo la norma "SA 8000";
b) le spese per l'acquisto di programmi informatici strettamente funzionali all'acquisizione per la prima volta della certificazione di conformità del sistema di gestione della responsabilità sociale secondo la norma "SA 8000";
c) le spese relative al rilascio per la prima volta della certificazione di conformità del sistema di gestione della responsabilità sociale da parte di un ente di certificazione accreditato dal SAI – Social Accountability International.
Le prestazioni di formazione sono fornite esclusivamente da enti di certificazione accreditati dal SAI – Social Accountability International – ovvero da enti di formazione accreditati secondo la vigente normativa regionale.
 
Le prestazioni di consulenza devono essere fornite da:
a) prestatori di attività professionale, in possesso di adeguate competenze professionali per lo svolgimento dell’attività prevista e di esperienza specifica in materia, attestate da circostanziato curriculum professionale;
b) imprese, il cui oggetto sociale prevede l’attività di consulenza in materia di responsabilità sociale delle imprese o bilancio sociale o materie affini, in possesso di adeguate competenze professionali per lo svolgimento dell’attività prevista e di esperienza specifica in materia, attestate da idonea documentazione.

Ammontare degli incentivi
L'ammontare degli incentivi è determinato:
a) per l'adozione del bilancio sociale, nella misura dell'80% delle spese ammissibili, per un importo comunque non superiore a 7000 €.
b) per l'adozione del sistema di gestione della responsabilità sociale secondo la norma "SA 8000" nella misura dell' 80% delle spese ammissibili, per un importo comunque non superiore a 10.000 €.
Gli incentivi hanno natura di aiuti de minimis e non sono cumulabili con altri incentivi pubblici ottenuti per le stesse iniziative.

Requisiti richiesti
Possono richiedere l'incentivo le piccole e medie imprese e microimprese con sede operativa nel territorio regionale.
I soggetti richiedenti devono possedere alla data di presentazione della domanda i seguenti requisiti:
a) rispettare integralmente le norme che regolano il rapporto di lavoro, la normativa disciplinante il diritto al lavoro dei disabili, la normativa previdenziale, le norme poste a tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro, la contrattazione collettiva nazionale ed eventualmente quella territoriale e aziendale e i principi di parità giuridica, sociale ed economica tra lavoratrici e lavoratori;
b) non aver fatto ricorso, nei dodici mesi precedenti alla presentazione della domanda a licenziamenti collettivi ai sensi degli articoli 4 e 24 della legge 23 luglio 1991, n. 223 (Norme in materia di cassa integrazione, mobilità, trattamenti di disoccupazione, attuazione di direttive della Comunità europea, avviamento al lavoro ed altre disposizioni in materia di mercato del lavoro);
c) non svolgere la propria attività principale, quale risultante dall'iscrizione al Registro delle imprese, nei settori esclusi.
 

Come richiedere l'incentivo
Le domande di contributo vanno presentate alla Direzione Centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità - Servizio lavoro e pari opportunità secondo lo schema di modulistica scaricabile da questa pagina (vedi la voce modulistica ciccabile a fianco).
Le domande sono presentate a pena di inammissibilità, dal 1° gennaio al 31 ottobre di ciascun anno.

Informazioni