Sicurezza: semplificazioni per settori a basso rischio

11/09/2013

L’articolo 32 della legge n. 98/2013, di conversione del Dl 69/2013, ha portato semplificazioni in materia di sicurezza sul lavoro. Maggiormente interessato dalle modifiche in fase di conversione è il comma 1 del DL “Del fare”.

Alla lettera b) si prevede l’emanazione di un DM, da adottarsi in coerenza con le indicazioni della Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro, con cui saranno individuati i settori di attività a basso rischio di infortuni e malattie professionali.

L’individuazione dei settori avverrà sulla base di “criteri e parametri  oggettivi desunti dagli indici infortunistici e delle malattie professionali di settore dell’INAIL”.

Per la necessaria valutazione dei rischi nei settori così individuati, i datori di lavoro potranno utilizzare un modello semplificato che sarà allegato al decreto o le procedure standardizzate già previste.

Ancora il comma 1, questa volta in materia di Duvri*.
La semplificazione della Legge di conversione consiste nel consentire al datore di lavoro di un’azienda ricompresa nel settore a basso rischio di infortuni e malattie professionali, di omettere la redazione del Documento ed in alternativa, di nominare un proprio incaricato, in possesso di formazione, esperienza e competenza professionali adeguate e specifiche, adeguatamente e periodicamente aggiornato, con compiti di sovrintendere alla cooperazione e al coordinamento con altre imprese.

Spetterà al datore di lavoro, una volta individuato l’incaricato, di inserirne la nomina nel contratto di lavoro o d’opera.

Per effetto dell’introduzione delle modifiche di cui alla lett. e)  c.1 dell’art. 32 di cui si occupa questo mio approfondimento, in caso di  avvio di nuova attività, occorre inviarne la notifica preliminare** attraverso lo Sportello unico che a sua volta la trasmetterà all’Organo di vigilanza. (Fonte: quotidianosicurezza.it)

È il documento di valutazione dei rischi da interferenza, necessario se nello stesso ambiente lavorativo operano dipendenti di imprese diverse.
** Entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della disposizione, sono approvati modelli uniformi per la presentazione della notifica.