Sostenibilità del vino

08/04/2015

"Sostenibilità: si parte da piccole, grandi cose concrete, dal bilancio energetico alla scelta del packaging. È una grande occasione di cambiamento" ha sottolineato Michele Manelli, titolare della Salcheto, introducendo i lavori dell'incontro svoltosi durante l'edizione 2015 di Vinitaly; "il motore di questo cambiamento è l'innovazione. E occorre coinvolgere in questo percorso vari attori della filiera".

Università, mondo della ricerca, tecnici, consulenti, produttori: tutti sono parte integrante di un circolo virtuoso che porta ad un'impostazione rinnovata dei processi e dei prodotti, nel rispetto dei criteri della sostenibilità ambientale, economica e sociale.

Manelli ha iniziato nel 2005 a ripensare la propria cantina.
Nel corso degli anni è stata realizzata una struttura autosufficiente dal punto di vista energetico per la produzione di vino e sono stati implementati un bilancio ambientale, un'analisi continua dei cicli produttivi e una serie di valutazioni e cambiamenti che hanno portato all'ottenimento della certificazione ISO 14064 a cura di Csqa e grazie all'affiancamento dei sustainability manager di Sed, spin-off dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

L'incontro ha visto la partecipazione della rappresentanza dell'Unione Italiana Vini che nel tempo ha raccolto le istanze di numerose cantine, cogliendo l'importanza e l'urgenza di definire un concetto comune di sostenibilità per una migliore comunicazione nei confronti del consumatore ed una corretta implementazione di standard produttivi di riferimento.

In chiusura della mattinata, spazio alla comunicazione on line dei temi della sostenibilità, grazie anche all'opportunità di scegliere nomi a dominio (fra questi il .bio) che ben rappresentino i principi a cui si ispira la produzione della Salcheto. (Fonte: http://agronotizie.imagelinenetwork.com/)
 
Nel video, gli interventi di:
Michele Manelli, cantina Salcheto;
Luciano De Propris, SED;
Maria Chiara Ferrarese, Csqa Certificazioni;
Stefano Stefanucci, Unione Italiana Vini;
Massimo Zanardi, Register.it.