Benessere animale suino

maiale.jpgCos’è

Il DTP130 è uno standard volontario che nasce in risposta alla crescente sensibilità del consumatore in materia di “benessere animale” e permette alle aziende di garantire ai clienti che i propri prodotti a base di carne suina provengano da animali non solo allevati, ma trasportati e macellati in condizione di benessere animale più restrittive rispetto a quanto previsto dalle norme cogenti applicabili.

Attualmente in Italia non esiste uno standard riconosciuto dall’autorità competente in materia di benessere animale suino diversamente da quanto avvenuto nelle filiere latte e bovini da carne dove esiste lo standard CReNBA.

Il DTP 130 definisce i requisiti minimi necessari per il "Benessere animale” del suino in fase di allevamento, trasporto e macellazione e prevede anche due requisiti opzionali che le imprese possono attivare o meno. L’attivazione dei requisiti opzionali ne permette la certificazione e la conseguente comunicazione.
 
Il disciplinare si applica a:
 
  • Animali vivi allevati secondo il presente disciplinare.
  • Carne suina e derivati (es. salumi e insaccati) durante i vari stadi di crescita: dalla nascita dei suinetti, al trasporto a macello, alla macellazione degli animali.
Il disciplinare prevede inoltre l’approccio della “chain of custody” per le fasi successive in modo da assicurare la segregazione delle carni conformi al presente disciplinare e la realizzazione dei prodotti trasformati esclusivamente con tali carni.
 

Punti chiave

L’azienda che intende certificarsi con il claim di “benessere animale” relativo al suino deve :

 

  1. Implementare un sistema di gestione del benessere animale e le modalità di allevamento/ trasporto/ macellazione/ trasformazione ispirato alla normativa ISO/TS 34700:2016 e dimostrare l’adozione della suddetta norma e dei documenti correlati con particolare riferimento a Terrestrial Animal Health Code , World organization for Animal Health (OIE TAHC) per le parti applicabili.
  2. Assicurare il rispetto dei requisiti di prodotto e processo e di buone pratiche definiti nello standard (più restrittivi rispetto a quanto previsto dalle norme vigenti)
  3. Implementare un sistema di gestione della rintracciabilità in tutte le fasi della filiera in conformità alla norma ISO 22005.
  4. Implementare una procedura di gestione responsabile del farmaco.
  5. Definire ed applicare una procedura generale per la biosicurezza (lotta ai roditori, gestione ingresso visitatori, disinfezione, gestione raccolta delle carcasse, gestione carico degli animali vivi, gestione acqua di abbeverata)
  6. Attuare una procedura di gestione dell’alimentazione nella fase di allevamento (tutte le fasi) e svezzamento che assicuri la piena conformità legislativa.
  7. Applicare una procedura di trasporto degli animali fra allevamenti e allevamento-macello che sia in grado di garantire la piena conformità al Transport of animals by land del Terrestrial Aniaml Health Code.
  8. Applicare una procedura di macellazione che sia in grado di assicurare la piena conformità a Slaughter of animals del Terrestrial Aniaml Health Code
  9. Definire ed applicare una procedura di formazione del personale.

 

Vantaggi

L’applicazione del DTP130 consente di supportare la comunicazione in materia di benessere animale suino attraverso la dimostrazione del rispetto di requisiti oggettivi, verificabili e misurabili in ottica di due diligence.