Cuneo e Marche, bando per l'impresa 4.0

23/10/2017

CUNEO
 
Sono ammesse a presentare domanda le imprese aventi sede o unità locale cui è riferita l’attività oggetto di contributo in provincia di Cuneo, regolarmente iscritte al Registro Imprese e in regola con il pagamento del diritto annuale.
 
Le spese ammesse, che dovranno essere relative all'anno 2017 e fatturate nel periodo compreso tra il 1°/05/2017 e il 31/12/2017, riguardano:
  • verifica ammissibilità investimenti (audit documentale, audit presso le aziende)
  • audit in fase di installazione per la verifica di sussistenza delle caratteristiche previste nella circolare n. 4/E del 30 marzo 2017 dell’Agenzia delle Entrate
  • redazione di uno dei seguenti documenti:
a) perizia tecnica giurata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi
professionali
b) attestato di conformità rilasciato da un ente di certificazione accreditato
c) relazione tecnica ai fini dell’autocertificazione.

Scadenza: 31/01/2018

Bando


​INFO SUL SITO http://www.cn.camcom.gov.it/it/bandi

REGIONE MARCHE
 
Nella traccia della politica avviata dal Ministero con il Piano Industria 4.0, anche la Regione Marche ha definito un suo intervento sul tema, con analoga finalizzazione, e che si aggiungerebbe agli incentivi fiscali già operanti.
 
Bando "Manifattura e Lavoro 4.0" di cui vi proponiamo una sintesi:

-  soggetti ammissibili: Micro, Piccole e Medie Imprese manifatturiere marchigiane;
-  attività ammesse: possono accedere al bando le imprese operanti nei seguenti settori ATECO 2007):
C -  Attività manifatturiere;
M - limitatamente al codice 71 (attività degli studi di architettura e d'ingegneria; collaudi ed analisi tecniche) e al codice 72 (ricerca scientifica e sviluppo);
-  tipologia di interventi: gli investimenti devono essere riconducibili ad una o più delle seguenti aree, in linea con quanto previsto nel “Piano Nazionale Industria 4.0”.
-  spese ammissibili: sono considerate ammissibili le spese relative alle seguenti voci:
  1. acquisto di beni strumentali nuovi, funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale delle imprese in chiave Industria 4.0, comprese le relative spese di installazione;
  2. acquisto di beni immateriali - software, sistemi e /system integration, piattaforme e applicazioni, comprese le relative spese di installazione;
  3. acquisizione di servizi di sostegno all’innovazione, strettamente connessi alla realizzazione del programma di investimento, nella misura massima del 25% del totale delle spese previste dal programma di investimento;
  4. spese per il personale attivato mediante tirocinio e ospitato in azienda ai fini degli obiettivi previsti dal presente bando, nella misura del 60% della spesa riconosciuta;
  5. perizia tecnica giurata o attestato di conformità, nella misura massima di € 2.000,00;
  6. costo della eventuale Fidejussione, in caso di richiesta di anticipo, nella misura massima di € 2.000,00.
-  risorse umane: presupposto obbligatorio per presentare il progetto è l’attivazione di almeno 1 tirocinio obbligatorio di un soggetto con titolo di studio o formazione professionale post diploma o post laurea e/o esperienza lavorativa almeno biennale che confermi la conoscenza su tecnologie relative al manifatturiero avanzato e/o tecnologie ICT;
-  tempistica: Le domande di partecipazione dovranno essere precedute dall’attivazione di almeno un tirocinio, che potrà essere avviato a partire dal 08/09/2017, giorno successivo della data di pubblicazione del Bando sul BURM (07/09/2017).
Di conseguenza le domande di partecipazione, così come previsto dal bando, potranno essere presentate a decorrere dal 60° giorno dalla data della comunicazione obbligatoria (Unilav) di avvio del tirocinio stesso e fino ad esaurimento dei fondi previsti.
-  contributo previsto: variabile in relazione alla tipologia di aiuto richiesto (se in de minimis o meno) e alla dimensione dell’impresa, fino ad un massimo del 35% su beni materiali e 50% su software e servizi, con un massimo di e 145.000; i contributi sono cumulabili con i benefici fiscali dei c.d Iperammortamenti.

Per informazioni:

Buscaglia Francesco
f.buscaglia@confindustria.pu.it
Tel +39.0721.383.232
Fax +39.0721.65022