Biocarburanti e sostenibilità

13/03/2018

 

L’obiettivo della UE per contrastare il cambiamento climatico, nel contesto della cosiddetta economia circolare, prevede che nel 2030 il 27% dei consumi energetici totali provenga da fonti rinnovabili. Allo stesso tempo, nel 2015 è stata modificata la direttiva UE che prevedeva come queste fonti nel settore dei trasporti dovessero rappresentare il 10% dei fabbisogni.

E’ stato invece indicato di ridurre l’uso dei biocarburanti convenzionali ad un massimo del 7% nel 2021 e del 3,8% nel 2030. Di conseguenza, questo cambio di direzione ha introdotto prospettive incerte riguardo alle coltivazioni ed in generale alle biomasse destinate a biocarburanti ed ha rimesso in questione i grandi investimenti effettuati in questo settore a partire dai primi anni duemila.

Le associazioni ambientaliste ritengono che i biocarburanti di prima generazione o convenzionali abbiano ricevuto un livello di contributi troppo elevato, il che non ha stimolato la ricerca di migliori alternative rispetto ai biocarburanti ottenuti dalle coltivazioni tradizionali.

Ci sono anche riflessi internazionali su queste scelte, come ad esempio lo stimolo alle coltivazioni di olio di palma soprattutto nei paesi del sud-est asiatico, prodotto che rappresenta un terzo della quantità di biodiesel usato nella UE.

Queste tendenze, anche contrastanti, fanno capire come proprio per i biocarburanti il fattore della sostenibilità divenga fondamentale e debba essere considerato rispetto all’apporto od all’impatto che tali produzioni possono avere sulla economia del settore agricolo, così come sull’ambiente e sullo sviluppo rurale della UE. (Fonte: https://teseo.clal.it)
TESEO | Acqua&Energia – Trasformazione dei prodotti agricoli in bioenergia
 
CSQA è accreditato per il Sistema Nazionale di Certificazione della Sostenibilità dei biocarburanti e dei bioliquidi ( DM 23/01/2012 ).
L’adesione al Sistema Nazionale di Certificazione permette di garantire che su tutta la filiera produttiva (dal produttore agricolo, al produttore/trasformatore di biofuel, al trasportatore e al trader) viene rispettata la sostenibilità dei bioliquidi e dei biocombustibili (con riferimento ai criteri della Direttiva RED – Energie Rinnovabili).